• VILLA MEDICI DEL VASCELLO - San Giovanni in Croce
  • VILLA MEDICI DEL VASCELLO - San Giovanni in Croce
    Immagini: 12

    La Rocca di San Giovanni in Croce, mirabile sintesi tra architettura militare e villa gentilizia extra-urbana, fu eretta nel 1407 per volontà di Cabrino Fondulo, Signore della città di Cremona, in una posizione geografica strategica rispetto ai territori di Parma, Mantova e Brescia. Tra la fine del XV e l’inizio del XVI sec. “padrona di casa” fu Cecilia Gallerani, la celebre Dama con l’ermellino ritratta da Leonardo da Vinci nel 1488-90, in seguito al suo matrimonio, nel 1492, con il conte Ludovico Carminati, feudatario del luogo. Cecilia animò una piccola corte rinascimentale e diede lustro con il suo fascino e la sua cultura al borgo di San Giovanni in Croce, ospitando in loco le personalità più importanti del Rinascimento lombardo. Rilevanti modifiche architettoniche furono apportate nel XVII e nel XVIII secolo ad opera dei marchesi Soresina-Vidoni, nuovi proprietari cremonesi del complesso monumentale a partire dal 1626, artefici della progressiva trasformazione del castello in una residenza signorile di campagna. Giuseppe Soresina-Vidoni, all’inizio del XIX secolo, ebbe l’idea lungimirante di realizzare un ampio Parco-giardino adiacente alla villa (di 12 ettari), tipicamente “all’inglese, ricco di essenze vegetali di notevole pregio e impreziosito da vari edifici e manufatti artistici e da un laghetto panoramico. Il complesso di Villa Medici del Vascello è stato acquisito in proprietà dal Comune di San Giovanni in Croce nel 2005, che ha intrapreso importanti lavori di restauro conservativo e di recupero funzionale. Oggi Villa Medici del Vascello è sede di regolari visite turistiche guidate e ospita periodicamente eventi culturali, didattici, scientifici e ricreativi, negli spazi affascinanti della splendida dimora ed anche all’interno dell’incantevole Parco, una tra le riserve naturali più prestigiose del territorio lombardo.